Emorragia cerebrale


Che cos’è l’emorragia cerebrale?

Si parla di emorragia cerebrale in presenza di una fuoriuscita di sangue da un vaso arterioso o venoso dell’encefalo.

Quali sono le cause dell’emorragia cerebrale?

Nella maggior parte dei casi l’emorragia cerebrale è dovuta a ipertensione arteriosa; l’aumento della pressione infatti determina cambiamenti alle pareti delle arteriole cerebrali, che possono condurre alla loro rottura.

Tra le altre cause: il deposito di sostanza amiloide all’interno delle pareti vasali (angiopatia amiloide); malformazioni vascolari (aneurismi, malformazioni artero-venose), coagulopatie, neoplasie, uso di sostanze stupefacenti.

Quali sono i sintomi dell’emorragia cerebrale?

I sintomi hanno in genere esordio improvviso e la loro evoluzione può essere molto veloce. Possono aversi:

  • cefalea
  • vomito
  • nausea
  • compromissione dello stato di coscienza e del controllo degli sfinteri
  • emiparesi o emiplegia
  • disturbi del linguaggio
  • disturbi della sensibilità
  • disturbi della coordinazione.

Tra le complicazioni:

  • crisi comiziali
  • irregolarità respiratorie
  • instabilità o aumento della pressione arteriosa
  • anomalie della temperatura corporea che peggiorano la prognosi.
  • La comparsa di edema cerebrale, infine, peggiora il quadro neurologico fino al coma.

Come si effettua la diagnosi?

Per la diagnosi possono essere utili esami quali:

  • tomografia computerizzata (TC) cerebrale;
  • risonanza magnetica dell’encefalo;
  • studio angiografico con angio-TC, angio-RM.