Epatite autoimmune


Che cos’è l’epatite autoimmune? 

L’epatite autoimmune è una patologia a carico del fegato, causata da un malfunzionamento del sistema immunitario che attacca il fegato stesso, causandone l’infiammazione, eventuale cirrosi e conseguenti danni permanenti.

Questa patologia colpisce in particolare le donne, soprattutto tra i 40 e i 70 anni, può avere esordio asintomatico per poi manifestarsi con intense stanchezza e spossatezza.

La giovane età, il sesso femminile, ma anche infezioni batteriche o virali contratte in precedenza, l’uso di alcuni farmaci e la concomitanza con altre patologie autoimmuni sono i principali fattori di rischio.

Se ne distinguono due forme: l’epatite autoimmune di tipo I e quella di tipo II. Il tipo I è la più comune con positività agli anticorpi antinucleo (ANA) o antimuscolo liscio (ASMA). Può presentarsi a qualsiasi età e in genere si associa ad altre malattie autoimmuni.

La forma di tipo II invece colpisce soprattutto le donne giovani, affette da altre patologie autoimmuni. È positiva agli anticorpi microsomiali fegato-rene (LKM1). 

Quali sono le cause dell’epatite autoimmune? 

L’epatite autoimmune ha base autoimmune e dunque è scatenata da un errore del sistema immunitario che non riconosce come appartenenti all’organismo le cellule e i tessuti del fegato e dunque li aggredisce, ritenendoli estranei e nemici.

Gli autoanticorpi attaccano il fegato, con infiammazione cronica e progressiva che danneggia i tessuti e che può portare a insufficienza epatica. 

Quali sono i sintomi dell’epatite autoimmune?

All’esordio la malattia è spesso asintomatica; possono poi aversi:

  • Angiomi cutanei
  • Ascite (accumulo di liquido nella cavità addominale)
  • Dolore nella parte superiore destra dell’addome
  • Dolore articolare
  • Feci chiare o tendenti al grigio
  • Ingrossamento del fegato
  • Ittero
  • Nausea e vomito
  • Perdita di appetito
  • Prurito
  • Secchezza della bocca
  • Stanchezza
  • Urine scure

Come si effettua la diagnosi? 

Per diagnosticare l’epatite autoimmune possono essere utili esami del sangue e biopsia epatica.