Esofagite


Che cos’è l’esofagite?

L’esofagite è un processo infiammatorio a carico dell’esofago e può essere acuto o cronico.

Quali sono le cause dell’esofagite?

Esistono diversi tipi di esofagite a seconda della causa che origina la malattia; la più comune è quella da reflusso.

  • Esofagite da reflusso: i succhi gastrici acidi contenuti nello stomaco entrano in contatto con la mucosa esofagea e causano bruciore. Questo fenomeno si verifica in presenza di un inefficiente funzionamento del cardias, l’orifizio postp tra lo stomaco e l’esofago deputato a impedire la risalita del contenuto gastrico nell’esofago. Il reflusso gastroesofageo può portare allo sviluppo di un’infiammazione cronica dei tessuti esofagei.
  • Esofagite eosinofila: l’infiammazione è dovuta a un’alta concentrazione di globuli bianchi che si ha in genere come reazione a un agente allergizzante. Ne sono un esempio: latte, uova e soia, ma possono essere coinvolti anche allergeni non alimentari.
  • Esofagite indotta da farmaci: anche l’assunzione di farmaci per via orale, laddove questi restino a contatto con la mucosa esofagea per un periodo troppo prolungato, può essere dannosa.
  • Esofagite infettiva: dovuta da un’infezione batterica, virale, fungina o parassitaria a livello dei tessuti dell’esofago. Questa forma è rara e colpisce in genere coloro che presentano una ridotta funzionalità del sistema immunitario.

Quali sono i sintomi dell’esofagite?

I sintomi dell’esofagite sono:

  • difficoltà nella deglutizione;
  • deglutizione dolorosa;
  • dolore toracico, in particolare dietro lo sterno;
  • nausea;
  • vomito;
  • dolore a livello addominale;
  • tosse;
  • calo dell’appetito.