Fenomeno di Raynaud


Che cos’è il Fenomeno di Raynaud?

Il Fenomeno di Raynaud si verifica per un eccessivo raffreddamento (sia per basse temperature sia in caso di forte stress emotivo) di alcune aree del corpo, soprattutto dita, orecchie e punta del naso, che tendono anche a cambiare colore. 

Quali sono le cause del Fenomeno di Raynaud? 

Il Fenomeno di Raynaud è legato a una forte reattività dei vasi sanguigni che si restringono (vasospasmo) in presenza di basse temperature o stress, con conseguente riduzione del flusso di sangue alle estremità del corpo per ridurre la dispersione di calore.

Se ne distinguono due forme: una primaria, la più frequente, di cui non se ne conoscono le cause e che non è associata ad alcuna malattia sistemica; e una secondaria, legata a una condizione medica, come per esempio sclerodermia, connettivite mista, poli/dermatomiosite, e a fattori predisponenti (uso di strumenti lavorativi freddi o vibranti, fumo, traumi alle mani o ai polsi, assunzione di alcuni farmaci, esposizione a cloruro di vinile e disturbi della tiroide).

Quali sono i sintomi del Fenomeno di Raynaud?

Il Fenomeno di Raynaud si caratterizza per un cambiamento di colore graduale: le dita dapprima diventano bianche per lo spasmo dei vasi sanguigni, poi blu con il ripristino della circolazione venosa, e infine rosse quando anche il sangue arterioso torna a circolare.

Possono inoltre aversi intorpidimento e alterazione della sensibilità tattile.

Come si effettua la diagnosi?

La diagnosi si effettua nel corso di una visita medica.

Può essere utile eseguire una capillaroscopia periungueale, che dalla base delle unghie delle mani, permette di analizzare i vasi sanguigni e valutarne le condizioni.

Nel caso in cui si sospetti una forma secondaria, possono essere prescritti esami specifici per accertare o escludere la presenza della malattia che si ritiene possa essere responsabile.