Orticaria


Che cos’è l’orticaria?

L’orticaria è un’eruzione cutanea che si caratterizza per la comparsa, in genere improvvisa, di pomfi rossi o bianchi di varie dimensioni e che possono causare prurito, fastidio o dolore.
Questo disturbo può associarsi ad angioedema, con gonfiore e conseguente dolore degli strati più profondi dell’epidermide. L’orticaria acuta dura meno di quattro settimane, ma può risolversi spontaneamente anche nell’arco di poche ore o di una giornata. L’orticaria cronica, invece, ha un andamento intermittente che si prolunga per mesi o anni.

Quali sono le cause dell’orticaria?

Il meccanismo alla base dell’orticaria non è ancora del tutto chiaro. Si ha l’attivazione di molteplici meccanismi infiammatori che possono spegnersi spontaneamente (orticaria acuta) o mantenersi nel tempo (orticaria cronica). I meccanismi possono essere attivati da cibi, farmaci, batteri, virus, malattie, stress e depressione.

Le manifestazioni di orticaria sono innescate dalla reazione dei mastociti, cellule della pelle che in certe condizioni rilasciano istamina, la sostanza che determina la dilatazione dei piccoli vasi sanguigni e la fuoriuscita del siero nel derma, ovvero la formazione dei pomfi.

Quali sono i sintomi dell’orticaria?

Pomfi dolorosi e pruriginosi sono il sintomo caratteristico.

Come si effettua la diagnosi?

La diagnosi si basa sull’osservazione dei pomfi o sullo scatenamento di essi dopo confricazione della pelle (dermografismo).