Steatoepatite non alcolica


Che cos’è la steatoepatite non alcolica?

La steatoepatite non alcolica è una malattia cronica a carico del fegato che si caratterizza per un accumulo di grasso in quest’organo. Spesso si associa a colesterolo e trigliceridi alti, al diabete o al prediabete ed è frequente nei soggetti in sovrappeso od obesi.

Questa patologia può portare a cirrosi a insufficienza epatica.

Quali sono le cause della steatoepatite non alcolica?

Le cause della steatoepatite non sono ancora del tutto note. Sembra giochino più fattori, come un processo infiammatorio innescato da proteine tossiche che danneggiano le cellule epatiche, ma anche l’insulino-resistenza.

Tra le altre cause ipotizzate:

  • Diete troppo ricche di grassi, generalmente associate a sovrappeso o obesità.
  • Elevati livelli di trigliceridi e colesterolo nel sangue (dislipidemia).
  • Diabete di tipo 2.
  • L’uso di alcuni farmaci.
  • Squilibri ormonali.

Quali sono i sintomi della steatoepatite non alcolica?

La malattia può essere asintomatica, anche per lungo tempo. In altri casi i sintomi sono dapprima affaticamento, debolezza e perdita di peso, per poi lasciare spazio nelle fasi più avanzate a:

  • Febbre
  • Dolore addominale
  • Perdita di appetito
  • Nausea e vomito
  • Perdita di peso
  • Stanchezza
  • Ittero
  • Problemi nervosi, confusione, ansia, agitazione

Le complicazioni a cui si associa sono:

  • Ipertensione portale
  • Insufficienza epatica
  • Varici, con probabili emorragie interne dei vasi dell’esofago
  • Ascite, vale a dire la ritenzione di liquidi nella cavità addominale con rischio di infezioni
  • Encefalopatia epatica, con danni tossici al cervello

Come si effettua la diagnosi?

Per la diagnosi è necessaria una visita specialistica. Gli esami che possono rivelarsi utili sono:

  • Esami del sangue, per la ricerca delle transaminasi: GOT (o ALT) e GPT (o AST).
  • Ecografia addominale, il segno tipico di steatosi è il “fegato brillante”, perché così appare nel corso di un’ecografia.
  • TAC o Risonanza.

L’unico esame che consente di distinguere la steatoepatite non alcolica dalla steatosi epatica è la biopsia epatica, che permette di evidenziare i processi infiammatori in atto.