Muto Giovanni


Specialità di competenza:

Tipologia di attività:

  • Interventi chirurgici
  • Visite specialistiche

Il prof. Giovanni Muto, specializzato in Urologia, è responsabile della S.C. di Urologia dell’Ospedale Humanitas Gradenigo di Torino. Si dedica principalmente all’Urologia oncologica Chirurgia ricostruttiva del rene e dell’apparato urinario, all’Urologia laparoscopica e ai trattamenti laser dell’ipertrofia prostatica benigna.

Laureatosi a Napoli nel 1976, ha conseguito a Genova la Specializzazione in Urologia e a Trieste la Specializzazione in Nefrologia. Ha maturato una lunga esperienza professionale di Chirurgia urologica maggiore, prima presso la Scuola di Urologia di Trieste e poi presso la Scuola di Urologia dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino.
È stato Primario di Urologia presso l’Ospedale Maria Vittoria di Torino dal 1990 al 1998, e dal 1998 al 2014 è stato Direttore dell’Unità Complessa di Urologia dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino. Dal 2015 al 2017 è stato Responsabile della UOC di Urologia, Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, Roma.

Dal 2015 è Professore Ordinario di Urologia presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma e Professore aggiunto presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia della Temple University, Philadelphia, USA. Dal 2017 è Professore Ordinario di Urologia presso l’Humanitas University di Milano.

Ha eseguito oltre 20.000 interventi urologici come primo operatore e si è particolarmente dedicato alla chirurgia della prostata, della vescica e del rene; in particolare nelle tecniche di recupero della funzione sessuale ed urinaria. E’ autore di numerose pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali prevalentemente incentrate su temi uro-oncologici ed è riconosciuto a livello internazionale per la realizzazione delle moderne tecniche di recupero della funzione sessuale dopo interventi chirurgici sul basso apparato urinario.
E’ socio dell’American Urological Association, della Società Europea di Urologia e della Società Internazionale di Urologia ed è stato Presidente dell’Associazione Urologi Italiani.
E’ membro della Commissione Nazionale della Ricerca del Ministero della Salute dal 2003. Nel 2008 ha ricevuto la Medaglia d’oro al merito per la Sanità Pubblica Italiana.