Ostruzione delle vie lacrimali


Che cos’è l’ostruzione delle vie lacrimali?

L’ostruzione è la patologia più comune a carico delle vie lacrimali e si caratterizza per l’impossibilità delle lacrime a defluire tranquillamente. Ciò si verifica a seguito di un’infiammazione dei canali lacrimali dalla quale può derivare un restringimento della mucosa di rivestimento e dunque l’ostruzione.

Può essere congenita oppure acquisita, questa seconda forma è più comune e si instaura

in caso di malattia infiammatoria cronica che interessa i dotti lacrimali; è inoltre spesso associata a patologie del massiccio facciale, deviazione del setto nasale o traumi facciali spesso legati a tumori che hanno coinvolto il volto.

Quali sono le cause dell’ostruzione delle vie lacrimali?

Infezioni, acute o croniche, traumi, malformazioni e tumori sono tra le cause più comuni.

Quali sono i sintomi dell’ostruzione delle vie lacrimali? 

L’ostruzione delle vie lacrimali può manifestarsi con:

  • Epifora, ovvero iperlacrimazione.
  • Congiuntivite ricorrente.
  • Dacriocistite, cioè infezione delle vie lacrimali.
  • Dilatazione del sacco lacrimale acuta con ascesso facciale (dacriocistite) o cronica (dacriocistocele).

Come si effettua la diagnosi?

La diagnosi può avvalersi di:

  • Topografia corneale per lo studio della morfologia e del menisco lacrimale.
  • Lavaggio o sondaggio delle vie lacrimali.
  • Dacriotac con ricostruzione 3D del massiccio facciale.
  • Se necessario dacrio RMN (esame dinamico)
  • Consulto multidisciplinare (otorinolaringoiatra, oncologo, radioterapista, anatomo patologo).