Paralisi del VII nervo cranico facciale


Che cos’è la paralisi del VII nervo cranico facciale?

La paralisi del VII nervo cranico è un disturbo che causa un deficit del muscolo orbicolare, del muscolo frontale e dei muscoli mimici del viso, rendendo impossibile la chiusura delle palpebre ed esponendo così il bulbo oculare (lagoftalmo).

Il lagoftalmo è associato a una paralisi della zona del volto compresa tra le palpebre inferiori e la bocca e a seconda della sua gravità può inficiare la vista.

Quali sono le cause della paralisi del VII nervo cranico facciale? 

Nella maggior parte dei casi la paralisi del VII nervo cranico non ha una causa definita (si parla di paralisi a frigole), in altri casi può essere congenita oppure essere dovuta a interventi chirurgici della base cranica (principalmente l’asportazione di un neurinoma del nervo acustico) o a traumi.

Quali sono i sintomi della paralisi del VII nervo cranico facciale?

Il lagoftalmo può causare cheratopatia da esposizione, che si manifesta con bruciore, sensazione di corpo estraneo che tende ad aggravarsi, con rischio di cheratite, ulcerazione e perforazione della cornea.

Come si effettua la diagnosi?

La diagnosi si effettua nel corso di una visita specialistica, in cui verrà valutato il grado della paralisi. Potrebbero inoltre rendersi necessari una visita ortottica, l’imaging radiologico e un consulto multidisciplinare.