Senologia


Il riscontro di un nodulo mammario a qualsiasi età genera ansia e timori e richiede l’effettuazione in tempi rapidi di una consulenza senologica, da parte di un medico esperto e dedicato, e di esami strumentali, necessari per chiarirne la natura.

In Fornaca è possibile effettuare nella stessa giornata la consulenza senologica e gli esami strumentali (ecografia mammaria, mammografia digitale, risonanza magnetica nucleare e l’eventuale agoaspirato di noduli sospetti), utilizzando le più moderne  attrezzature e personale altamente qualificato.

Il servizio di Senologia è a disposizione anche per tutte le donne che devono effettuare i normali controlli periodici di sorveglianza senologica suggeriti con cadenza annuale, in particolare dopo i 40 anni.

Da alcuni anni sono stati identificati geni la cui alterazione predispone ad un alto rischio di sviluppare un carcinoma della mammella e/o dell’ovaio che può arrivare nell’arco della vita fino al 60-70%. In genere si tratta di famiglie con più casi di carcinoma della mammella e/o dell’ovaio. Esistono esami genetici per accertare la presenza o meno di queste mutazioni, con la consulenza senologica per pianificare un’adeguata sorveglianza ed eventualmente il ricorso a strategie di prevenzione.

La chirurgia del tumore del seno è in continua evoluzione con l’obiettivo di garantire nel contempo la radicalità oncologica e un buon esito estetico. Questo risultato è possibile grazie all’integrazione di tecniche derivate dalla chirurgia plastica (la cosiddetta chirurgia conservativa oncoplastica) e, nei casi in cui è ancora indispensabile ricorrere alla mastectomia, con tecniche di risparmio di cute o di conservazione del complesso areola-capezzolo (mastectomia nipple-sparing) con posizionamento immediato, ove possibile, della protesi definitiva. Infine, la biopsia del linfonodo sentinella ha sostituito in molti casi la dissezione ascellare, con minimo disagio per la paziente.

La Clinica Fornaca si avvale di specialisti dedicati al trattamento chirurgico dei tumori mammari con ampia esperienza e casistica operatoria.

La quasi totalità delle donne operate per carcinoma mammario viene oggi sottoposta dopo l’intervento ad un trattamento precauzionale adiuvante, che integra la chemioterapia, l’ormonoterapia e la radioterapia, per ridurre la probabilità che il tumore si ripresenti localmente o a distanza. Il trattamento adiuvante moderno si avvale dell’integrazione di farmaci innovativi il cui impiego viene “ritagliato” sulle caratteristiche specifiche di ogni tumore (le cosiddette tailored therapy) ed è in continua evoluzione. In Fornaca è disponibile la consulenza dell’oncologo medico e del radioterapista per pianificare la migliore strategia terapeutica per ogni paziente.

Un quarto delle donne che si ammalano di carcinoma mammario ha meno di 50 anni al momento della diagnosi. La chemioterapia e l’ormonoterapia determinano in molte una menopausa precoce, con vampate di calore e sudorazione, disturbi della sessualità, aumento di peso e difficoltà del sonno. Questi inconvenienti possono essere molte volte superati con terapie adeguate. Per le donne più giovani può sorgere anche il desiderio di una gravidanza dopo il cancro, che può essere affrontata con un’adeguata consulenza.

Le cisti, i fibroadenomi, la secrezione di liquido dal capezzolo sono le forme più comuni di patologia mammaria benigna. Pur non essendo pericolosi richiedono una diagnostica accurata, una sorveglianza periodica e raramente l’asportazione chirurgica, in genere eseguibile in day hospital e in anestesia locale.